Relazione AgCom 2018, il fisso cresce più del mobile

AgCom 2018, la telefonia fissa supera il mobile
AgCom 2018, la telefonia fissa supera il mobile

La Relazione AGCOM 2018, la quale è stata pubblicata recentemente, ha messo in evidenza dei dati interessanti relativi al mondo delle telecomunicazioni in Italia.

Cifre davvero notevoli per il settore TLC

L’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha sottolineato il fatto che, nell’anno che si è appena concluso, i ricavi relativi a questo settore hanno raggiunto quota 32 miliardi di euro, segno evidente del fatto che tale ambito economico gode di una solida floridità.

La cifra è davvero notevole, dunque, e qualora si vogliano associare ai servizi di telecomunicazione anche quelli relativi alle comunicazioni, come ad esempio quelli postali, si raggiunge quota 54 miliardi, corrispondenti ben al 3% del PIL nazionale.

Il segmento fisso cresce più di quello mobile

Il segmento relativamente al quale si registra la crescita più considerevole è quello del fisso: gli investimenti infrastrutturali che lo riguardano sono cresciuti del +1,6%, ammontando così a 7 miliardi.

Mentre negli ultimi anni le crescite principali avevano riguardato il segmento Mobile, dunque, quello della telefonia fissa ritorna a crescere, e questo è un dato che qualcuno potrebbe reputare inatteso.

Forse in molti avrebbero scommesso che la crescita principale sarebbe stata, nel 2018, quella dei servizi Mobile, c’è anche chi reputa che quest’ultima tipologia di servizi possa gradualmente soppiantare le utenze fisse, ma come visto la realtà è completamente diversa.

A ulteriore conferma di questo vi è il fatto che brand ed e-commerce che propongono componenti tecniche per la telefonia fissa come EmmeBiStore, il cui indirizzo è www.emmebistore.com, stanno ricevendo numerosi ordini relativi a questo genere di prodotti, sia da parte di imprese che di privati.

I servizi più richiesti

Sono positivi i dati riguardanti, in generale, la spesa in servizi da parte di famiglie e imprese, per cui la crescita risulta pari a +1,7% su base annua.

Nella relazione si legge che la crescita del segmento fisso è trainata dalla diffusione sempre più massiccia degli accessi broadband e ultrabroadband da rete fissa, per i quali si registra una crescita del +3,8% su base annua.

A crescere in modo davvero netto, con un +30% rispetto allo scorso anno, è anche l’incremento del consumo di banda e traffico dati, il quale è fortemente correlato all’esigenza di fruire di contenuti video online su rete fissa.

È d’altronde evidente che la fruizione di questo genere di contenuti sia sempre più massiccia, di conseguenza non stupisce il fatto che i consumatori stiano orientando sempre più le loro richieste verso questo genere di servizi, pretendendo la massima qualità.

Il presidente di AGCOM, Angelo Marcello Cardani, ha sottolineato che l’Italia ha compiuto dei progressi davvero molto importanti a livello di copertura delle reti NGA: nell’arco di appena un anno, infatti, la nazione tricolore è passata dal 23° al 13° posto nella graduatoria DESI.

Un mercato sempre più favorevole per il consumatore

Cardani ha sottolineato che la grande floridità di questo settore è correlata per buona parte anche all’ingresso sul mercato di nuovi operatori e, in generale, all’evolversi di condizioni concorrenziali.

La massiccia concorrenza nel settore TLC, dunque, con ogni probabilità saprà garantire ai consumatori non solo dei servizi sempre più performanti, ma anche delle tariffe vantaggiose.

Be the first to comment on "Relazione AgCom 2018, il fisso cresce più del mobile"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*