Formula 1: presentate le gomme per la nuova stagione

Dopo aver messo al sicuro la partnership con la FIA, con il rinnovo quadriennale della collaborazione in regime di fornitura unica che terminerà dunque nel 2022, la Pirelli è già pronta a far debuttare in pista le nuove gomme che saranno montate sulle monoposto che si daranno battaglia nel Mondiale di Formula 1 che inizia a metà marzo in Australia.

Riparte la caccia ad Hamilton

Anche quest’anno il leitmotiv della stagione sarà quello degli ultimi anni, ovvero la rincorsa al titolo di campione detenuto da Lewis Hamilton, che da parte sua punta alla tripletta consecutiva e al sesto trofeo assoluto. Il principale sfidante dovrebbe essere, anche nelle speranze degli italiani, il ferrarista Sebastian Vettel, che da quest’anno farà coppia con il giovane Leclerc nel team del Cavallino Rampante, ma sotto osservazione c’è anche il fenomeno Verstappen, chiamato a nuove prove di maturità.

Le novità della stagione 2019

I motivi di appassionarsi al mondiale sono come sempre numerosi e sullo sfondo ci sono le “tradizionali” novità regolamentari e tecniche; un aspetto fondamentale è appunto quello delle gomme montate sulle monoposto, che spesso sono un fattore decisivo per le prestazioni e velocità delle auto, condizionando notevolmente anche la resa in pista e le stesse gare.

La Pirelli presenta le gomme

Come detto, anche quest’anno il fornitore unico sarà Pirelli, che continua la collaborazione con la Formula 1 e approfitta, per così dire, delle risposte ottenute in gara per trarre indicazioni utili anche per lo sviluppo dei modelli di pneumatici tradizionali per gli automobilisti comuni; la nuove gomme della P Lunga, in vendita anche sulle piattaforme online come www.euroimportpneumatici.com, sono derivate proprio dall’esperienza maturata in questi anni di impegno nelle competizioni motoristiche, portando su strada alcune soluzioni testate sui circuiti di tutto il mondo.

Lo sviluppo di pneumatici anche per la strada

Per la stagione 2019, l’attenzione della Pirelli si è concentrata su due obiettivi fondamentali, “ridurre il surriscaldamento e la formazione di vesciche”, come spiegato da Mario Isola, responsabile della Casa per la F1; in termini pratici, i nuovi regolamenti hanno costretto l’azienda a ridisegnare completamente le gomme, seguendo anche le indicazioni di Liberty Media, che ha chiesto di incrementare lo spettacolo in pista e rendere più semplici i sorpassi. In termini tecnici, sono state semplificate le ali anteriori, ridotte le dimensioni dei bargeboard, apportate modifiche all’ala posteriore e incrementi all’effetto del DRS.

Obiettivo: ridurre blistering e surriscaldamento

Sul fronte gomme, in particolare, la Pirelli ha prodotto gomme in cinque differenti mescole, da alternare nel corso del campionato; i colori distintivi sono la banda bianca per la mescola più dura, la banda gialla per la mescola media e quella banda rossa per il compound più morbido a disposizione. Ma nuovi sono anche i materiali utilizzati, dice ancora Isola, che sottolinea come “le prestazioni delle vetture aumentano di anno in anno e al momento abbiamo un livello di stress sulla gomma enorme”, dovuto anche dall’aumentato peso della vettura; un insieme di fattori che genera forte stress sullo pneumatico “e tutto ciò porta ad un surriscaldamento dello stesso, un fenomeno che noi dobbiamo cercare di gestire”.

Un occhio al 2021

C’è poi un altro campo sul quale Pirelli sta già lavorando, ovvero la trasformazione radicale delle gomme di Formula 1 che sarà introdotta nel 2021, quando le monoposto saranno dotate di pneumatici da 18 pollici e non più da 13, come attualmente. Per questo, l’azienda è già impegnata per superare questa sfida, al punto da prevedere un test concreto entro l’anno in pista, così da presentarsi con le giuste risposte all’importante appuntamento.

Be the first to comment on "Formula 1: presentate le gomme per la nuova stagione"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*